Il GILS, Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia, in occasione della Beauty Week – a Milano dal 26 settembre al 2 ottobre – lancia la nuova campagna social #labellezzacheresiste. Protagoniste donne affette da Sclerosi Sistemica che hanno deciso di mostrare la loro reale bellezza, trasformatasi inevitabilmente con l’arrivo della malattia.

I tre ritratti, online a partire da martedì 26 settembre sul profilo IG di GILS per tutta la durata della Beauty Week, vogliono essere l’invito a guardare negli occhi la bellezza, che è ovunque e resiste a tutto,  anche  a una malattia – come la Sclerosi Sistemica – che, tra le sue prime manifestazioni, colpisce proprio l’aspetto esteriore.  Chi ne è affetto, si trova a dover familiarizzare con i lineamenti e le espressioni del viso che cambiano.

Le immagini di Tina, Rosanna e Simona incarnano, per questa campagna, l’emblema di una bellezza che non è solo estetica, ma complessità, coraggio e accettazione di sé. Tre donne che da tanti anni vivono sulla loro pelle l’avanzare della Sclerosi Sistemica e che hanno saputo guardarsi allo specchio, anno dopo anno, e amarsi – esattamente come sono – nonostante i segni lasciati da questa malattia autoimmune, cronica e che colpisce soprattutto le donne.

#labellezzacheresiste si inserisce tra le iniziative della Giornata del Ciclamino, che si sviluppa nei mesi di settembre e ottobre, durante i quali il GILS non solo diffonde l’informazione su questa patologia rara ma – grazie all’offerta del ciclamino, il fiore che resiste al freddo – raccoglie fondi per finanziare nuovi progetti di ricerca scientifica, volti a migliorare l’aspettativa di vita dei pazienti.

L’impegno del GILS, però, non finisce qui.

Per ottenere cure tempestive in grado di rallentare il decorso della patologia e garantire un’ottima qualità di vita, infatti, è fondamentale la diagnosi precoce. Per questo, a partire dal 22 settembre fino a fine ottobre, il GILS metterà in campo anche il progetto “Ospedali Aperti” in cui i centri ospedalieri di eccellenza, in tutta Italia, effettueranno gratuitamente la capillaroscopia: esame non invasivo ed essenziale per intercettare i primi sintomi della malattia.